Menu

Purificatori d'aria: a cosa servono e come funzionano

9 Agosto 2021
Purificatori d'aria: a cosa servono e come funzionano

Spesso negli ambienti chiusi la qualità dell'aria non è molto salutare e i purificatori d'aria sono perfetti per eliminare gli inquinanti, gli allergeni e i cattivi odori dell’aria e aiutano a creare un ambiente più sano. Per migliorare il benessere della nostra salute, quindi, i purificatori d'aria sono utili e, in determinati casi, il loro uso si rivela indispensabile.

Essi vengono utilizzati in diverse tipologie di ambienti chiusi, per esempio in casa, nelle stanze degli hotel, negli spogliatoi delle palestre, in sale mediche d'attesa e in tutti gli altri ambienti chiusi in cui c'è una grande presenza di persone. Segui l'articolo per capire cosa sono i purificatori d'aria, come funzionano e per conoscere i loro vantaggi e le loro caratteristiche.

Come funzionano i purificatori d'aria

Iniziamo a vedere come funziona il purificatore d'aria. Un purificatore è un macchinario in grado di rimuovere dall'aria diverse sostanze nocive, come gli inquinanti, gli allergeni e le tossine, mediante un sistema di purificazione.

I purificatori d'aria funzionano assorbendo internamente l'aria esterna, trattenendo tutte le sostanze nocive e poi immettendo nell'ambiente esterno l'aria pulita e purificata. Vedremo di seguito però che alcuni di loro presentano una diversa modalità d'azione.

Il funzionamento dei purificatori d'aria è automatico, basta accenderlo e il purificatore inizierà i suoi cicli di assorbimento, pulizia ed espulsione aria.

Le varie tipologie di purificatori d'aria

Purificatore d'aria quale scegliere? La scelta ricade sulle due tipologie di purificatori esistenti: quello con filtri e quello ad ozono.

I purificatori d'aria con filtri sono quelli in cui è un filtro interno a trattenere le particelle e le sostanze nocive dell'aria esterna. Ci sono diversi tipi di filtri, i più efficaci sono i filtri HEPA e i filtri a carboni attivi.

I filtri HEPA (High Efficiency Particles Air) sono molto efficaci per trattenere polvere, batteri, acari e polline, quindi le sostanze microscopiche, le cosiddette polveri sottili.

I filtri a carboni attivi sono molto efficaci per trattenere sostanze leggermente più grandi rispetto a quelle trattenute dai filtri HEPA. Infatti, la loro particolarità è nel riuscire a filtrare l'aria da sostanze organiche volatili, come per esempio i composti che hanno origine da vernici e solventi di cui sono ricoperti anche tanti mobili di una casa. Inoltre, questa tipologia di filtro è perfetta per trattenere, e quindi eliminare dall'aria circostante, gli odori sgradevoli, come per esempio il fumo di sigaretta.

Il funzionamento dei purificatori ad ozono invece è totalmente differente, poiché essi non posseggono filtri. In questo caso, le molecole di ozono si attaccano direttamente alle particelle nocive presenti nell’aria; in questo modo gli inquinanti diventano pesanti e non possono più fluttuare nell’aria e cadono a terra, evitando così il pericolo di essere respirate. Sono perfetti per muffe e batteri.

Una domanda che molti si pongono: ma i purificatori d'aria eliminano i virus? Un buon filtraggio con filtri HEPA è capace anche di eliminare alcuni virus, ed esattamente quelli sospesi nell'aria.

Come scegliere un purificatore d'aria

Purificatori d'aria caratteristiche? Le caratteristiche vanno valute prima dell'acquisto; precedentemente vi abbiamo parlato delle due tipologie di purificatori d'aria e per che tipo di inquinanti sono più efficaci. Questa è infatti la caratteristica principale del purificatore che deve essere valutata prima di procedere all'acquisto. Ma esiste anche qualche altra caratteristica da analizzare.

Decidere la grandezza, per esempio: infatti, in commercio ci sono purificatori molto piccoli che possono essere poggiati su un tavolino, poi ci sono quelli da parete, oltre a quelli molto grandi che vanno poggiati direttamente a terra.

La grandezza è quasi sempre sinonimo di potenza della purificazione dell'aria, e quindi bisogna sempre anche valutare quanti sono i metri quadrati dell'ambiente da purificare. Un purificatore piccolo da tavolino va bene per una stanza di un appartamento, ma per grandi uffici, oppure magazzini, c'è bisogno di purificatori molto più grandi e con elevata potenza.

Esistono anche purificatori portatili che funzionano a batterie e che sono utili magari per essere portati in auto per purificare l'aria dell'abitacolo, oppure per essere portati nella casa per le vacanze, o comunque in qualunque altro posto desideriamo purificare l'aria.

Purificatori d'aria: vantaggi e svantaggi

Ora vedremo i pro e contro purificatori d'aria, sottolineando subito che prendendo in esame purificatori d'aria opinioni, i vantaggi sono molteplici, poiché è ovvio che respirare un'aria purificata da batteri, polline e tutte le altre sostanze nocive è di grande utilità per il benessere della salute umana. Occorre però mettere in evidenza che il loro uso presenta anche qualche piccolo svantaggio.

I principali vantaggi dell'uso dei purificatori d'aria sono:

  • diminuzione di patologie allergiche, tramite l'eliminazione di polvere;
  • diminuzione dell'asma;
  • miglioramento del sistema immunitario;
  • diminuzione delle probabilità di contrarre malattie a livello respiratorio;
  • diminuzione di batteri e virus responsabili di varie patologie;
  • eliminazione di cattivi odori.

Tutte azioni che hanno come conseguenza il benessere e il miglioramento della salute.

E invece i contro?

Riguardo i contro, il più grande effetto da mettere in conto riguarda i purificatori ad ozono, poiché bisogna ricordare che l'ozono, se respirato in grandi quantità, può provocare, con il tempo, danni alla salute umana.

Vai all'articolo precedente:Come pulire il climatizzatore: consigli pratici
Vai all'articolo successivo:Come funzionano le barriere d'aria
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image